BENVENUTI NEL NOSTRO SITO ...

L’associazione realizza iniziative sociali e culturali, svolge attività, ricreative, di volontariato ed educative promuovendo la valorizzazione delle tradizioni popolari piacentine, italiane ed europee nella musica, nella letteratura, nella pittura e nell’arte in genere, nelle produzioni agricole e in quelle enogastronomiche.

 Per il raggiungimento dei propri scopi sociali, l’Associazione si propone di organizzare la divulgazione sotto qualsiasi forma, delle sue attività, come: organizzare spettacoli, momenti ricreativi, gite, cicli di conferenze, cineforum, corsi di formazione, degustazioni, concorsi, incontri con la stampa, concerti e spettacoli teatrali, convegni rivolti alla realizzazione dello scopo sociale, rassegne, fiere; sostenere e divulgare le pubblicazioni relative al tempo libero e alla valorizzazione delle produzioni enogastronomiche; collaborare con associazioni, consorzi, circoli che possano completare gli scopi perseguiti dall’Associazione; editare pubblicazioni e materiale informativo principalmente per i soci, relativi allo scopo sociale.

RITORNARE ALLE "RADICI", RITORNARE ALLA SOLIDARIETA'

RITORNARE ALLE "RADICI", RITORNARE ALLA SOLIDARIETA' - LE NOSTRE RADICI

«Siamo soprattutto un gruppo di amici che condividono un progetto al quale tutti credono e che, viene portato avanti con impegno e grande entusiasmo».

In una civiltà in cui la tecnica e l'economia hanno «dissolto i variopinti legami che univano l’uomo alla natura», e nella quale anche gli ordini razionali della modernità novecentesca sono andati in pezzi, la società diventata liquida e individualistica si va decomponendo e ricomponendo. Senza più un ordine o una direzione, individui sradicati si trovano privi di un orizzonte di appartenenza o di un rifugio. Ma proprio nel punto finale di questo processo − in un terremoto sociale e simbolico andato ben oltre l’alienazione di massa un tempo prodotta dall’organizzazione taylorista −, forse per un bisogno di senso, forse per la «nostalgia di quando nell’uomo viveva ancora qualcosa di intatto», nasce l’esigenza di recuperare la storia e lo spazio. Storia e spazio sono le radici, che affondano nel passato, e che si collocano con fermezza in un territorio specifico.

Contro lo svigorirsi delle relazioni personali e simboliche, e delle esperienze vissute in sintonia con la tradizione, ormai svanite ma ancora presenti nella mente di chi − ancora bambino − le vide tramontare, viene costituita a Piacenza, nel dicembre del 2015, l’associazione di promozione sociale «Le nostre radici». L’associazione, che ha sede in un accogliente casolare (con un bel giardino e una splendida corte) sulla Strada Statale 45 di Val di Trebbia, è nata in modo volontario e senza fini di lucro per rispondere a un’esigenza che è sia collettiva, sia individuale.

Recupero di antichi sapori e antichi mestieri, come i piatti tipici della tradizione piacentina (di cui «le nonne sono indispensabili custodi»), o come il progetto di una agri gelateria per preparare «il gelato come una volta»;fare della sede dell’associazione un luogo di riferimento per la città, in grado di ospitare le molte iniziative culturali in programma (dalla scuola di musica agli incontri di lettura, dai giochi di società alla libreria), e contemporaneamente di ricreare (anche attraverso l’organizzazione di «serate a tema» per beneficenza e per promuovere i prodotti locali) l’atmosfera tipica delle «palte», le antiche osterie di campagna a conduzione familiare, che servivano anche da negozio e da punto di riferimento per i viandanti: ecco come possiamo immaginarci una maniera di recuperare le tradizioni con intelligenza, senza feticismi  e senza xenofobie, e di dare valore alla dimensione «popolare» dell'esistenza comune, nel suo significato più semplice e autentico. Tutto ciò ha un particolare significato in una regione come l'Emilia-Romagna, che, nella sua storia recente, ha saputo costruire una società al tempo stesso sviluppata e dinamica ma anche relativamente organica, e che oggi cerca di reagire contro i rischi di anomia e di disgregazione che il presente porta con sé.

Su una originaria affinità nei modi di intendere il rapporto con la «memoria» e le tradizioni si fonda la collaborazione tra l’associazione “le nostre radici” e Daniele Ronda − cantautore piacentino, socio fondatore e testimonial dell’associazione −. Insieme hanno dato vita, il 15 aprile, a un concerto al Teatro Municipale di Piacenza a sostegno di ANPAS (Associazione nazionale pubbliche assistenze), nel corso del quale Ronda e la sua band, che conta fra i suoi membri anche Sandro Allario, fisarmonicista bergamasco fra i più noti nella scena musicale italiana − hanno entusiasmato il pubblico numeroso con ritmi energici e coinvolgenti alternati a momenti musicali più riflessivi e attenti all’impegno sociale, che sono la cifra del cantautore piacentino il quale «canta quei valori che noi vogliamo ritrovare e riportare agli altri».

In questa riflessione, che ci riporta al bisogno di appartenenza e al rapporto che annoda la memoria all’identità, e che nasce dall’incertezza su ciò che sarà il futuro, bisogna anche tenere a mente che ogniqualvolta ci volgiamo al passato − reale o immaginario − non possiamo sperare di trovare qualcosa di assoluto, perché là dove sono esistiti ed esisteranno uomini, ci sono sempre due necessità, concorrenti e compresenti: le moltitudini in movimento proiettate verso il futuro, e le comunità che custodiscono la memoria.  Di entrambe, del loro intreccio più o meno equilibrato, è fatta la storia. 

| da un articolo di Maria C. Fogliaro - Ritornare alle "radici", ritornare alla solidarietà - Pubblicato il 30/04/2016 sul sito di FITeL Emilia Romagna (www.fitelemiliaromagna.it)

SOLO DELLE RADICI FORTI RIESCONO A SOSTENERE UN GRANDE ALBERO

SOLO DELLE RADICI FORTI RIESCONO A SOSTENERE UN GRANDE ALBERO - LE NOSTRE RADICI

E’ assodato che per sostenere un grande albero ci vogliono radici forti e questo vale per ogni cosa!

Le tradizioni sono il fondamento per la ricerca e l’innovazione e senza un’approfondita conoscenza del “da dove veniamo” non è possibile progettare “dove andare”.
Conoscere le proprie origini è la base per costruire il futuro, piccolo o grande che sia. Non sempre abbiamo a disposizione questo bagaglio culturale a cui attingere.

La nostra storia passa anche dal cibo, dalla tradizione della produzione agroalimentare, dalla preparazione degli alimenti, dalle evoluzioni che nel tempo abbiamo saputo creare. Sulla tavola ritroviamo i prodotti tipici di un luogo e la cultura del loro consumo. Ricuciamo le trame economiche e sociali e ci immergiamo nel gusto delle nostre tradizioni.

PRIVACY POLICY

L’associazione di promozione sociale “le Nostre Radici”, riconosce l’importanza della protezione dei dati personali.

LE NOSTRE RADICI A.P.S. si impegna a rispettare la privacy degli utilizzatori e a trattare i dati privati con cautela e riservatezza. I dati non saranno utilizzati per finalità diverse da quelle specificate in seguito. A tal fine in questa pagina si descrivono le modalità di gestione del sito in riferimento al trattamento dei dati personali degli utenti che lo consultano. L’informativa si ispira anche alla Raccomandazione n. 2/2001 che le autorità europee per la protezione dei dati personali, riunite nel Gruppo istituito dall’art. 29 della direttiva n. 95/46/CE, hanno adottato il 17 maggio 2001 per individuare alcuni requisiti minimi per la raccolta di dati personali on-line, e, in particolare, le modalità, i tempi e la natura delle informazioni che i titolari del trattamento devono fornire agli utenti quando questi si collegano a pagine web, indipendentemente dagli scopi del collegamento.

Leggi tutto (clicca qui)

Le Nostre Radici a.p.s. (C.F. 91113530)

Testimonial

 

Convenzioni locali

 

Documenti associativi

 

CRT FITeL Piacenza

 

In evidenza

 

Eventi

 

Circolo I NOST RADIS

 

Circolo SAPORI & SAPERI

 

Notizie di gusto